UFO: l’incidente di Mantell

Lo storico David Michael Jacobs sostiene che l'incidente di Mantell ha segnato un netto cambiamento nelle percezioni degli UFO soprattutto a livello governativo

UFO: l'incidente di Mantell

L’ incidente UFO di Mantell è uno dei primi rapporti sugli Oggetti Volanti non Identificati che hanno coinvolto un pilota militare. Il caso Mantell ha ricevuto una grande attenzione dai media all’epoca e continua ad essere uno dei casi più citati dagli ufologi per avvalorare la tesi extraterrestre degli UFO.

L’incidente ha provocato lo schianto e la morte del pilota 25enne della Kentucky Air National Guard, il capitano Thomas F. Mantell.

Lo storico David Michael Jacobs sostiene che l’incidente di Mantell ha segnato un netto cambiamento nelle percezioni degli UFO soprattutto a livello governativo. In passato i mass media spesso trattavano i rapporti sugli UFO con la leggerezza che si dava alle notizie più sciocche o banali.

Dopo lo schianto mortale di Mantell, Jacobs osserva: “il fatto che una persona fosse morta in un incontro con un presunto disco volante aumentò drammaticamente la preoccupazione del pubblico per il fenomeno. Ora una nuova prospettiva drammatica è entrata nel pensiero sugli UFO: potrebbero essere non solo extraterrestre ma potenzialmente anche ostile”

Mantell era un pilota esperto con 2.167 ore di volo ed era stato onorato per il suo ruolo nella battaglia di Normandia durante la seconda guerra mondiale.

Il 7 gennaio 1948, Godman Field a Fort Knox, Kentucky, ricevette un rapporto dalla Kentucky Highway Patrol riguardo un insolito oggetto volante vicino a Maysville, Kentucky. Rapporti riguardanti un oggetto circolare di circa 90 metri di diametro diretto a ovest vennero ricevuti da Owensboro, Kentucky e Irvington, Kentucky .

Verso le 13:45, il sergente Quinton Blackwell vide un oggetto dalla torre di controllo di Fort Knox. Anche altri due testimoni nella torre riferirono di un oggetto bianco in lontananza. Il comandante della base, il colonnello Guy Hix, riferì di un oggetto che descrisse come “molto bianco” e “circa un quarto delle dimensioni della luna piena … Attraverso il binocolo sembrava avere un bordo rosso nella parte inferiore … È rimasto fermo, apparentemente , per un’ora e mezza”. Gli osservatori del campo aereo militare della contea di Clinton in Ohio descrissero l’oggetto “con l’aspetto di un cono rosso fiammeggiante che trascinava una nebbia verde gassosa” e osservarono l’oggetto per circa 35 minuti. Un altro osservatore al Lockbourne Army Air Fieldin Ohio rilevò: “Appena prima di partire si è avvicinato molto al suolo, rimanendo a terra per circa dieci secondi, poi è risalito molto velocemente alla sua altitudine originale, 10.000 piedi, livellandosi e scomparendo nel cielo coperto di 120 gradi. La sua velocità era superiore a 500 mph in volo livellato”.

A quattro P-51 Mustang del 165 ° Fighter Squadron Kentucky Air National Guard già in volo, uno pilotato proprio dal capitano Mantell, fu detto di avvicinarsi all’oggetto. Blackwell rimase in comunicazione radio con i piloti per tutta la durata dell’intervento.

il Mustang di un pilota, a corto di carburante, abbandonò rapidamente la caccia. Il capitano dell’aeronautica Edward J. Ruppelt (il primo capo del Progetto Blue Book) osservò che c’era qualche disaccordo tra i controllori del traffico aereo sulle parole dette da Mantell mentre comunicava con la torre: alcune fonti riferirono che Mantell parlò di un oggetto “dall’aspetto metallico e di dimensioni enormi”, ma, secondo Ruppelt in The Report on Unidentified Flying Objects, altri contestarono se Mantell pronunciò realmente quelle frasi.

Gli altri due piloti seguirono Mantell nella caccia all’oggetto. Successivamente riferirono alla torre di averlo visto, ma lo descrissero piccolo e indistinto tanto da non poterlo identificare. Mantell ignorò il suggerimento di livellare l’altitudine degli aerei per osservare più chiaramente l’oggetto volante misterioso.

Uno dei compagni di Mantell, il tenente Albert Clemmons, aveva una maschera per l’ossigeno ma l’apporto era scarso. Clemmons e il tenente Hammond annullarono il loro inseguimento alla quota di 6.900 m. Mantell continuò invece a salire. Secondo l’Air Force, una volta che Mantell superò i 7.600 m di quota svenne per mancanza di ossigeno (ipossia) e il suo aereo iniziò a cadere a spirale verso il suolo. Un testimone in seguito riferì di aver osservato il Mustang di Mantell effettuare una discesa circolare. Mantell si schiantò in una fattoria a sud di Franklin, Kentucky, sul confine di stato tra Tennessee e Kentucky.

Giunti sul posto, i vigili del fuoco estrassero il corpo di Mantell dai rottami. Il suo orologio da polso segnava le 15:18, l’ora dello schianto. In seguito, alle 15:50 l’UFO scomparve alla vista degli osservatori al Godman Field. L’incidente di Mantell venne raccontato dai giornali di tutta la nazione destando un grande interesse dei media.

All’epoca circolarono una serie di voci sensazionalistiche sull’incidente. Tra le voci c’erano affermazioni che il caccia di Mantell fosse stato abbattuto dall’UFO che stava inseguendo e che l’Air Force avesse nascosto le prove dell’attacco. Un’altra voce affermò che il corpo di Mantell venne trovato crivellato di strani buchi. Queste dicerie non vennero mai confermate. Nel 1956, Ruppelt scrisse che l’incidente di Mantell era uno dei tre “classici” Casi UFO nel 1948 utili a definire il fenomeno UFO nella mente del pubblico e ancora più utili a convincere gli specialisti dell’intelligence dell’Air Force che gli UFO erano un fenomeno fisico “reale”.

L’incidente di Mantell venne indagato dal Project Sign, il nuovo gruppo di ricerca dell’Air Force creato per studiare gli incidenti UFO. Sebbene lo staff del Project Sign non sia mai giunto a una conclusione, altri investigatori dell’Air Force stabilirono che Mantell identificò in maniera errata il pianeta Venere e, credendo che avrebbe potuto avvicinarsi per osservare meglio, svenne per la carenza di ossigeno ad alta quota.

In seguito questa conclusione venne modificata, perché sebbene Venere fosse più o meno nella stessa posizione dell’UFO, gli astronomi che lavoravano per Project Sign stabilirono che Venere sarebbe stata quasi invisibile agli osservatori a quell’ora del giorno. La causa dell’incidente occorso a Mantell rimase ufficialmente nell’elenco dei casi indeterminati dall‘Air Force.

Anche il dottor J. Allen Hynek, professore di astronomia e consulente scientifico del Project Sign, si occupò del caso. Hynek suggerì che Mantell avesse identificato erroneamente un pallone meteorologico Skyhook della Marina degli Stati Uniti. Altri respinsero l’idea, sottolineando che nessun particolare pallone Skyhook poteva essere identificato nell’area in questione durante l’inseguimento di Mantell. Nonostante le perplessità, altri ritennero che la soluzione Skyhook fosse plausibile: i palloni erano un progetto segreto della Marina al momento dello schianto di Mantell, erano fatti di alluminio riflettente e avevano un diametro di circa 30 m, abbastanza coerente con la descrizione fatta da Mantell di un grande oggetto metallico, e coerente con i movimenti riportati dagli altri testimoni Poiché i palloni Skyhook all’epoca erano classificati, né Mantell né gli osservatori nella torre di controllo aereo sarebbero stati in grado di identificare l’UFO come uno Skyhook. Inoltre, ricerche successive del Project Sign e scettici sugli UFO rivelarono che più palloni Skyhook erano stati lanciati il ​​7 gennaio 1948 nella contea di Clinton, Ohio, a circa 240 km a nord-est di Fort Knox.

Philip Klass, scettico UFO, sostenne che le correnti in quel momento avrebbero fatto volare i palloni vicino all’area dell’incidente di Mantell.

Se un pallone Skyhook fosse stato coinvolto nello schianto dell’aereo di Mantell, l’Air Force sarebbe stata riluttante ad ammettere la presenza del pallone per più che semplici motivi di sicurezza poiché avrebbe significato ammettere che un Dipartimento della Difesa ha causato l’invio di un aereo della Kentucky Air National Guard con conseguenze fatali per il suo pilota.

Mantell è stato il primo membro della Kentucky Air National Guard a morire in volo. [10] Secondo John Trowbridge, storico della Guardia nazionale del Kentucky, “Anche in questo c’è una vera svolta di X-Files . Mantell ha vissuto quasi tutta la sua vita a Louisville. Ma è nato in un ospedale di Franklin, solo un a poche miglia da dove è stato ucciso”.

Il 29 settembre 2001, la Simpson County Historical Society ha svelato un indicatore storico in onore di Thomas Mantell nella sua città natale di Franklin. L’indicatore si trova all’uscita della Interstate 65.