I foo fighter nella seconda guerra mondiale

Fu un giornalista dell'Associated Press a dare la notizia degli avvistamenti dei foo-fighter il 1° gennaio 1945 e da allora le teorie sulle loro origini abbondarono: razzi, palloni meteorologici o il fuoco di Sant'Elmo

I foo fighter nella seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale era quasi giunta al termine. Ma per gli aviatori del 415th Night Fighter Squadron, sembrava l’inizio della Guerra dei Mondi .

Il tenente Fred Ringwald fu il primo ad avvistarlo. Era un osservatore a bordo di un caccia pilotato dal tenente Ed Schlueter, con il tenente Donald J. Meiers addetto al radar. Era una sera di fine novembre del 1944, parzialmente nuvolosa con un quarto di luna. Stavano sorvolando la valle del Reno appena a nord di Strasburgo, sul confine franco-tedesco, quando Ringwald disse: “Mi chiedo cosa siano quelle luci, laggiù sulle colline”.

Ce n’erano una decina, in fila, di un colore arancione acceso. Poi Schlueter le vide dalla parte della sua ala destra. Controllarono con il radar terrestre alleato, ma non registrarono nulla. Forse le luci potevano essere un’arma tedesca, Schlueter fece girare l’aereo per combattere … solo per far sparire le luci.

All’inizio gli uomini non raccontarono nulla, ma poi gli avvistamenti si diffusero alle altre unità.

Il 17 dicembre 1944, vicino a Breisach, in Germania, un pilota stava volando a circa 800 piedi quando vide “5 o 6 luci rosse e verdi lampeggianti a forma di ‘T'”. Le luci sembravano seguirlo, prima di scomparire inspiegabilmente come erano venute.

In seguito, il 22 dicembre, altri due equipaggi avvistarono le strane luci. Un equipaggio, vicino a Hagenau, segnalò due luci immerse in un grande bagliore arancione, che sembravano salire da terra fino a 10.000 piedi. Inseguirono il caccia “per circa due minuti”. Dopodiché, le luci “si staccarono e girarono, volano in piano per alcuni minuti e poi si spensero. Sembravano essere sempre sotto perfetto controllo “, (Strange Company di Keith Chester: Military Encounters with UFOs in World War II) .

E poi c’era l’esperienza del tenente Samuel A. Krasney: vide un oggetto a forma di sigaro senza ali, rosso brillante, a pochi metri dalla punta dell’ala dell’aereo. Il tenente Krasney, giustamente spaventato, ordinò al pilota di tentare manovre evasive, ma l’oggetto luminoso rimase accanto al jet per diversi minuti prima che volasse via e scomparisse.

Alla fine, gli aviatori soprannominarono le luci: foo fighters, nomignolo ispirato al fumetto “Smokey Stover”, in cui Smokey (un pompiere) spesso dichiarava: “Dove c’è foo, c’è fuoco”.

Fu un giornalista dell’Associated Press a dare la notizia degli avvistamenti dei foo-fighter il 1° gennaio 1945 e da allora le teorie sulle loro origini abbondarono: razzi, palloni meteorologici o il fuoco di Sant’Elmo. Ma i membri del 415 ° non concordarono con tutte quelle teorie. Razzi e palloni meteorologici non possono inseguire i caccia come sembrava facessero questi oggetti, e sapevano distinguere il fuoco di Sant’Elmo.

Come spiegare gli avvistamenti dei foo fighters? Secondo alcuni gli aviatori soffrivano di una sindrome, la sindrome da stanchezza da combattimento, la guerra li stava facendo impazzire e vedevano cose che in realtà non esistevano.

Ma le prove della psicosi collettive erano scarse: il 415 ° aveva un record altrimenti eccellente, e quando un giornalista dell’American Legion Magazine andò a riferire sullo squadrone li descrisse come “aviatori molto normali, il cui interesse principale era il combattimento, le ragazze pin-up, il poker, le ciambelle e i vini”.

Il figlio del tenente Krasney, Keith Krasney, raccontò che il suo defunto padre non si adattava al profilo stereotipato di un teorico degli UFO. In effetti, non suggerì mai che l’oggetto luminoso simile a un sigaro senza ali che volò accanto al suo aereo fosse di origine extraterrestre.

“Era molto equilibrato, molto analitico”, affermò Krasney parlando di suo padre, aggiungendo che teneva un taccuino in cui scrisse (e disegnò) il suo avvistamento. Ma sebbene non sia mai sembrato incline alle teorie del complotto, Krasney raccontò che suo padre riteneva che quanto vide poteva essere tecnologia tedesca aggiungendo che molte cose durante la guerra vennero taciute.

Ma non era inverosimile che i foo fighters fossero un’arma nazista. Gli avvistamenti ebbero luogo nell’Europa occupata dai nazisti, in un momento in cui la Luftwaffe tedesca stava facendo passi da gigante. Poi c’è il fatto che gli avvistamenti si sono interrotti una volta sconfitto l’esercito tedesco.

Ma il collegamento più convincente con i foo fighters potrebbe essere il geniale ingegnere missilistico Wernher von Braun. Von Braun che sviluppò per i nazisti il razzo V-2: un missile balistico a lungo raggio che Hitler usò nel 1944 contro il Belgio e in altre parti dell’Europa alleata.

Non è difficile immaginare i piloti, che non hanno familiarità con la balistica a lungo raggio, paragonare questi razzi ad aerei senza ali simili a sigari volanti. Le V-2 potrebbe persino spiegare il bagliore, poiché la loro coda emetteva un lungo pennacchio infuocato.

Tuttavia visto il comportamento descritto dai piloti, nulla in possesso ai nazisti sembrava avere una qualche attinenza con i foo fighters che una volta finita la guerra caddero nell’oblio o forse semplicemente vennero chiamati in un altro modo: UFO.