Le luci di Lubbock

Intorno alle 21:20, i colleghi dell'università videro qualcosa di strano nel cielo del Texas: una formazione a forma di V composta da 15-30 luci verde-bluastre che passavano sopra le loro teste

luci di lubbock

Era una serata estiva tranquilla quella del 25 agosto 1951 a Lubbock. Una gruppo di scienziati del Texas Technical College si ritrovò nel cortile del professore di geologia Dr. WI Robinson, si beveva il tè, e si parlava di micrometeoriti. Tra gli scienziati il professore di ingegneria chimica Dr. AG Oberg, il professore di fisica Dr. George e il Dr. WL Ducker, capo del dipartimento di ingegneria petrolifera. La loro presenza ha reso i fatti di quella notte ancora più curiosa.

“Se un gruppo fosse stato selezionato per osservare un UFO, non avremmo potuto scegliere un gruppo di persone tecnicamente più qualificato”, scrisse in seguito il capitano dell’aeronautica statunitense Edward J. Ruppelt nel suo libro del 1956, The Report on Unidentified Flying Oggetti. All’inizio degli anni ’50 Ruppelt operò come investigatore del Progetto Blue Book, le indagini ufficiali dell’Air Force sugli avvistamenti UFO, dopo aver lavorato al progetto precedente il Progetto Grudge.

Intorno alle 21:20, i colleghi dell’università videro qualcosa di strano nel cielo del Texas: una formazione a forma di V composta da 15-30 luci verde-bluastre che passarono sopra le loro teste. Sbalorditi, non persero comunque il lume della ragione scientifica, infatti le luci ricomparvero. Lo fecero circa un’ora dopo, in formazione sparsa. Gli scienziati erano tutti d’accordo: avevano assistito a qualcosa di fantastico, ma che cosa?

I professori non furono gli unici testimoni credibili delle misteriose luci blu-verdi quella notte. Al crepuscolo, ad Albuquerque, nel New Mexico (a circa 350 miglia da Lubbock), un impiegato  della Sandia Corporation della Commissione per l’energia atomica, un uomo con un nulla osta di sicurezza “Q” di alto livello, era seduto fuori con sua moglie. Ruppelt raccontò

Stavano fissando il cielo notturno, commentando quanto fosse bello quando entrambi furono sorpresi alla vista di un enorme aeroplano che volava veloce e silenzioso sopra la loro casa … Sul bordo di poppa delle ali c’erano da sei a otto paia di luci soffuse, luminose, bluastre.

Poco dopo il tramonto, sua moglie era uscita all’aperto per togliere alcune lenzuola dallo stendibiancheria. Era in casa a leggere il giornale. All’improvviso sua moglie era corsa in casa … “bianca come le lenzuola che aveva raccolto”. La ragione per cui sua moglie era così sconvolta era che aveva visto un grosso oggetto scivolare veloce e silenzioso oltre la casa. disse che sembrava “un aeroplano senza corpo”. Sul bordo posteriore dell’ala c’erano coppie di luci bluastre.

Quando Ruppelt volò a Lubbock per indagare sugli avvistamenti alla fine di settembre, centinaia di residenti avevano visto le luci per due settimane.

Ma non tutti attesero che il governo iniziasse a esaminare il caso. Dopo aver avvisato i giornali locali come il Lubbock Avalanche-Journal,  i professori del Texas Tech iniziarono la loro indagine informale. Nelle settimane successive alla loro osservazione del 25 agosto, loro e i loro amici osservarono le luci altre 12 volte. Misurarono gli angoli delle luci, calcolarono approssimativamente la loro velocità e stabilirono che le luci misteriose viaggiavano sempre da nord a sud. Armati di walkie-talkie, gli scienziati-investigatori e i loro amici formarono due squadre e tentarono di misurare l’altitudine delle luci ma senza successo.

Col passare dei giorni, un numero crescente di residenti di Lubbock raccontarono di aver osservato le luci. Quando i professori confrontarono i rapporti con le loro osservazioni molte cose coincisero affermò all’epoca Ruppelt. Nessuno registrò il fenomeno dettagliatamente come fecero i professori.

Seppure molti osservatori raccontarono ricordi incompleti o mal espressi, non c’è dubbio che qualunque cosa le persone videro fosse qualcosa di reale. Gli avvistamenti UFO sono di solito eventi fuggevoli, ma le luci blu-verdi furono osservate più volte, da centinaia di persone.

Inoltre, per molti, c’era una prova: le foto in bianco e nero scattate da una matricola del Texas Tech di nome Carl Hart, Jr. Il 31 agosto, la stessa notte la moglie di un militare dell’Air Force e sua figlia raccontarono di aver visto un UFO a nord-ovest di Matador, in Texas, a Lubbock: Hart si trovava nella sua camera da letto, scrutando le famigerate luci. Secondo Ruppelt:

Era una notte calda e il suo letto era accostato a una finestra aperta. Stava guardando il limpido cielo notturno, ed era a letto da circa mezz’ora, quando vide una formazione di luci apparire a nord … attraversare uno spazio aperto di cielo e scomparire sopra la sua casa. Sapendo che le luci sarebbero potute riapparire come in passato, ha afferrato la sua Kodak 35 carica, ha impostato l’obiettivo e l’otturatore su f 3.5 e un decimo di secondo, ed è uscito in mezzo al cortile. In poco tempo, la sua veglia fu ricompensata quando le luci fecero un secondo passaggio. Ha due foto. Una terza formazione è stata fotografata pochi minuti dopo.

Queste immagini molto dibattute, mostrano un ammasso di luci in una formazione a V che si muove nel cielo notturno, sono l’unica rappresentazione visiva di ciò che centinaia di persone affermarono di aver osservato.

Quando Ruppelt iniziò la sua indagine, scoprì che le luci avevano colpito tutti, compreso un vecchio di Lamesa, che le vide in compagnia della moglie.

Il vecchio aveva suggerito che le luci fossero in realtà uccelli pivieri, una teoria alla quale Ruppelt dette credito. Ma proprio come molte persone intervistate da Ruppelt, il vecchio ammise che lui e sua moglie avevano cercato le luci dopo aver letto della loro esistenza sul giornale. “Un punto interessante fu che pochissimi raccontarono di aver visto le luci prima di leggere la storia dei professori sul giornale”, scrisse Ruppelt“Ma questo potrebbe tornare alla vecchia domanda: ‘Le persone guardano in alto se non hanno motivo di farlo?'”

Cosa hanno visto esattamente tutte queste persone? In The Report on Unidentified Flying Objects, Ruppelt, a detta di tutti un uomo onesto e giusto che ha supervisionato quella che molti descrivono come “l’età d’oro” delle indagini ufficiali sugli UFO del governo, offre una spiegazione stranamente evasiva:

Pensavo che le luci dei professori potessero essere una specie di uccelli che riflettevano la luce dei lampioni a vapori di mercurio, ma mi sbagliavo. Non erano uccelli, non erano luce rifratta, ma non erano astronavi. Le luci che i professori hanno visto … sono state identificate positivamente come un fenomeno naturale molto comune e facilmente spiegabile … Non posso divulgare esattamente il modo in cui è stata trovata la risposta perché è una storia interessante di come uno scienziato ha impostato una strumentazione completa per rintracciare le luci. Raccontare la storia avrebbe portato alla sua identità e, in cambio della sua storia, ho promesso all’uomo il completo anonimato … Con la fase più importante delle luci di Lubbock “risolta” – gli avvistamenti dei professori – le altre fasi diventano solo buone Rapporti sugli UFO.

E così, il mistero delle luci di Lubbock rimane irrisolto.

“L’incidente di Lubbock Lights persiste nella memoria di molti anziani e fino ad oggi affascina i ricercatori di tutto il paese”, disse al Texas Highways Magazine il dott. Monte L. Monroe, archivista della collezione Southwest del Texas Tech University “Menziona l’evento e tutti hanno un’opinione. Alcuni credono che la formazione di luci abbia attraversato il cielo a grande velocità, in alto nella stratosfera. Pochi sono d’accordo con la teoria delle anatre migratorie illuminate dai lampioni, avanzata all’epoca dagli scettici o nel rapporto dell’Air Force”.

Secondo Monroe, i professori e altri testimoni – stanchi di spiegare a se stessi quello che vedevano – smisero quasi totalmente di rilasciare interviste negli anni ’70. In una rara intervista informale, più di 40 anni dopo gli avvistamenti, Carl Hart, Jr. avrebbe detto all’autore e ricercatore UFO Kevin D. Randle che non aveva ancora idea di  cosa avesse fotografato quella notte di agosto. Ma come centinaia di altri testimoni a Lubbock e nei dintorni di quella strana estate in Texas, vide qualcosa  che non avrebbe mai dimenticato.