Sunday, 20 Jan 2019
Autore: Oliver Melis

Il passato di Marte e il futuro della ricerca della vita

Il sottosuolo marziano, in un lontano passato, potrebbe avere avuto le condizioni per ospitare la vita, grazie a concentrazioni di idrogeno molecolare simili a quelle che permettono la vita ai microorganismi sotterranei terrestri. È quanto emerge da un nuovo studio basato sui dati raccolti dal Mars Odissey

Share

Venere non è un paradiso

Venere è, per molti versi, un pianeta gemello della Terra, all’incirca stesse dimensioni, massa e gravità. Sembrerebbe il posto ideale da colonizzare se non fosse che le condizioni ambientali sono decisamente ostili…

Share

Il complotto dei rospi ostetrici

L’evoluzionismo ebbe i suoi pionieri, alcuni dei quali si distinsero per una serie di ipotesi che ora ci appaiono bizzarre ma che, all’epoca, potevano apparire credibili. Fu proprio per confermare l’evoluzionismo lamarckiano che un ricercatore perse la sua credibilità di scienziato a causa del complotto dei rospi…

Share

La macchina del moto perpetuo

L’uomo ha più volte cercato di realizzare una macchina o un dispositivo dal quale creare, letteralmente energia dal nulla andando contro i principi della termodinamica. Qualcuno affermò anche di esserci riuscito ma tutte le presunte macchine del moto perpetuo si rivelarono, come nel caso descritto in questo articolo, solo dei tentativi di truffa

Share

L’Hangar 18

Nell’immaginario del particolare mondo del complottismo esistono una serie di luoghi comuni ed idee diffuse che comproverebbero una buona parte dei complotti, anche grazie a presunte delazioni di personaggi che affermano di sapere per essere stati alle dipendenze del governo. L’Area 51 è uno di questi posti universalmente conosciuti dal mondo complottista, un altro è l’Hangar 18

Share

Le basi segrete

Molti governi, quasi tutti, dispongono di basi segrete militari dove vengono svolte svariate attività, le quali, ovviamente, sono il vero segreto, non la presenza delle basi in sé

Share

The moon hoax – la prima bufala mediatica che divenne virale

Nel 1835, Richard Adams Locke, direttore del New York Sun, ideò la prima bufalavirale sui media della storia. La storia, completamente inventata, venne ripresa dai giornali in Europa, in Francia ed anche in Italia venne riproposta addirittura con aggiunte e modifiche. E tutto senza internet. Lo scopo? Il solito, aumentare la tiratura e vendere più giornali, esattamente come fanno oggi tanti siti web, anche di nome, per guadagnare visualizzazioni…

Share

Charles “pazzo volante” Lindbergh

100 anni fa l’imprenditore Raymond Orteig mise in palio un premio di 25.000 dollari per il primo pilota che fosse riuscito a compiere l’impresa di attraversare l’Atlantico, da New York a Parigi, senza effettuare alcuno scalo. Ci provarono alcuni piloti che scomparvero nel nulla. Otto anni dopo fu Charles Lindbergh a cimentarsi nell’impresa

Share
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: