Monday, 21 Jan 2019
Autore: Oliver Melis

Il complottismo

di Oliver Melis per Reccom Magazine Frequentando la rete ci si imbatte in pagine o gruppi popolati da persone che vedono dietro argomenti più o meno interessanti una mano occulta che nasconde la storia e la riscrive in modo da

Share

Addio al comandate John Koenig. È morto Martin Landau

di Oliver Melis per Reccom Magazine Il comandante è morto, il comandante non c’è più, ci ha lasciato a Los Angeles, 17 luglio 2017 Addio Martin Landau. Martin Landau è stato attore, produttore cinematografico e illustratore. Figlio di immigrati austriaci

Share

La grande truffa della propaganda contro i vaccini

Grazie ai vaccini la storia dell’uomo è cambiata radicalmente. Malattie endemiche, infatti, che per secoli hanno provocato milioni di morti e danni incalcolabili, piaghe come il tifo, il vaiolo e la poliomielite sono state debellate. Queste grandi vittorie però dopo

Share

L’urinoterapia

di Oliver Melis per Reccom Magazine Da qualche tempo si va diffondendo, soprattutto grazie al web e ad alcuni personaggi sciagurati, una nuova moda “salutistica, quella di bere la propria “amaroli“. L’amaroli altro non è se non la propria urina,

Share

La Sacra Sindone

di Oliver Melis per Reccom Magazine La sacra Sindone è una delle principali reliquie della cristianità ed una delle più note. Basti pensare alla quantità di fedeli e turisti che partecipano alle periodiche ostensioni di questo sacro reperto. L’esistenza della

Share

L’astrologia

di Oliver Melis per Reccom Magazine L’astrologia ha origini antichissime, i popoli primitivi iniziarono da subito a interrogarsi sul moto dei corpi celesti, dove i principali punti di riferimento erano il Sole, la Luna, Venere, Sirio e costellazioni come i

Share

Foo figthers, i caccia di fuoco della seconda guerra mondiale

di Oliver Melis per Reccom Magazine Il termine “Foo figthers” fu coniato dai piloti dell’USAF e della RAF nel corso della seconda guerra mondiale per indicare  dei particolari oggetti volanti che. in alcuni casi, avrebbero seguito squadriglie aeree americane e

Share

I Blurfo

di Oliver melis per Reccom Magazine Capita quando si scaricano delle foto sul PC di notare strane immagini che vengono spesso interpretate, soprattutto dal novello ufologo, come dovute alla presenza di dischi volanti. Quando nasce la passione ufologica ci si

Share

Men In Black

di Oliver Melis per Reccom Magazine Il primo a parlare di “Men in black” fu Albert K. Bender, appassionato di paranormale, ufologia e misteri che, nel 1952, fondò l’International Flying Saucer Bureau, di cui divenne membro l’ufologo Gray Barker, e

Share

Dischi (poco) volanti

Durante gli anni 50 negli USA tentarono di costruire un disco volante che imitasse le prestazioni degli UFO raccontate da decine di persone che segnalavano la presenza di dischi o sigari volanti nei cieli di quasi tutto il mondo. Il

Share
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: