Home Tecnologia

Tecnologia

Un’astronave a vapore che potrebbe navigare nel cosmo indefinitamente

Dopo l'astronave dal design anni '50, simile a quella di Tin Tin, che SpaceX sta sviluppando, leggete il futuro dei viaggi nello spazio: la potenza del vapore! Sembra uno scherzo oppure una fake news eppure è tutto vero. Qualcuno sta sviluppando un'astronave a vapore

IBM presenta a Las Vegas il primo computer quantistico

IBM ha presentato il primo computer quantico commerciale, Q System One, che rivoluzionerà interi settori...

La NASA si prepara a testare il sistema di difesa planetaria antiasteroidi

Nei prossimi due anni la NASA proverà a deviare un asteroide per testare il suo sistema di difesa planetaria, progettato per proteggere la Terra dagli impatti a livello estinzione

Ad ottobre il primo volo ufficiale di collaudo del Dream Chaser

Secondo Sierra Nevada, il minishuttle sarà pronto per il collaudo definitivo in ottobre, poi comincerà a trasportare carichi verso e dalla Stazione Spaziale Intenazionale

Quasi pronta per il lancio la navicella Dragon Crew

Sembra proprio che SpaceX sia quasi pronta per il lancio della navicella Dragon Crew per il primo test senza equipaggio. Attualmente, il lancio è schedulato per il 17 gennaio

Una stampante 3D per colonizzare la Luna e Marte

Una startup fondata da ex dipendenti di SpaceX, Blue Origin e Tesla sta realizzando una stampante 3D enorme che sarà in grado di rivoluzionare l'industria della costruzione dei razzi e fondamentale per la colonizzazione della Luna e di Marte

L’invenzione dello “Scotch”

Il nastro adesivo, quello che comunemente chiamiamo scotch, fu un'invenzione che entrò nell'uso quotidiano praticamente di chiunque nel mondo. Quando fu inventato e perché fu chiamato così?

In aumento il margine operativo di SpaceX sui razzi

La maggior parte degli osservatori probabilmente non ha notato che c'è stato un notevole miglioramento nel margine di profitto di SpaceX con gli ultimi...

Privacy Ed Internet – Proteggersi Mentre Si Naviga È Possibile

Chi ricorda il nome Stasi? Dal 1950 e fino alla dissoluzione della Germania est, questo nome terrorizzò un intero popolo. Si trattava della polizia...

La seta di questo ragno è 5 volte più forte dell’acciaio. Ora potremmo utilizzarla per sviluppare materiali super-resistenti

La seta di ragno è ben nota come uno dei materiali naturali più forti esistenti, ma ora gli scienziati hanno una migliore comprensione del perché. Attraverso l'esame...

Starship (ex FBS): SpaceX chiede alla FCC una licenza per voli sperimentali per i prossimi due anni

SpaceX ha presentato una domanda di licenza alla Federal Communications Commission per coprire i test di volo di quello che potrebbe essere il veicolo...

Pazienti paralizzati potranno interagire con strumenti informatici tramite un’interfaccia cervello-computer Consente alle persone paralizzate di controllare i dispositivi Tablet

Per la prima volta, tre pazienti tetraplegici sono stati in grado di controllare un tablet commerciale solo con i loro pensieri grazie ad una...

Must Read

La bufala dei batteri del Surveyor

La colonia batterica ritrovata in una telecamera recuperata dal Surveyor 3 fu, in realtà, una contaminazione

Un piano per riciclare i rottami spaziali ed utilizzarli sulla Luna

Le migliaia di resti di satelliti fuori servizio o i componenti dei razzi utilizzati per mandarli nello spazio potrebbero essere, in futuro, un tesoro per la costruzione degli insediamenti lunari

Sembra che uno strano gruppo di particelle quantistiche siano fondamentalmente immortali

Queste quasiparticelle una che sono decadute, sembrano in grado di riorganizzarsi nell'esistenza, probabilmente all'infinito

Iniziata l’attività di NEAR, un nuovo strumento studiato per individuare eventuali pianeti attorno a Alpha Centauri

Spinti dalla scoperta, avvenuta nel 2016, di un pianeta in orbita a Proxima Centauri, gli ingegneri ed i tecnici dell'European Southern Observatory (ESO) hanno sviluppato un nuovo strumento per trovare altri pianeti che potrebbero essere nel sistema Alpha Centauri, ed è già al lavoro

Il 24 giugno il Falcon Heavy lancerà una sonda NASA incaricata di studiare le radiazioni spaziali

Un satellite per capire come proteggere i satelliti nello spazio esposti ad un alto tasso di radiazioni