Scienza, Tecnologia

Costruire una casa in 24 ore grazie ad una stampante 3D

httpss://www.youtube.com/watch?v=xktwDfasPGQ

Apis Cor è un’azienda che costruisce case utilizzando una stampante 3D.

La stampante 3D utilizzata per costruire il modulo abitativo

Sembra una cosa impossibile eppure, come si può vedere dal filmato, a Stupino, un sobborgo di Mosca, questa società ha realizzato la prima casa interamente costruita con una stampante 3D. Certo, è un modulo abitativo da 38 metri quadrati,non certo una reggia ma è provvista di tutto ciò che serve e, soprattutto, è stata realizzata in 24 ore. Mura, tetto, porta, finestre, cucina, bagno e area notte, tutto realizzato in un unico blocco da una stampante 3D che ricorda un po’ le gru che troneggiano,solitamente, sugli edifici in costruzione.

La stampante 3D utilizzata è l’unica al mondo del suo genere, compatta, peso ridotto, più o meno due tonnellate, ha un bracco meccanico che la fa somigliare ad una normale gru per il sollevamento dei materiali da costruzione.  La realizzazione del modulo abitativo, tutto compreso, ha un costo che si aggira intorno ai diecimila euro.

il successo della dimostrazione ha subito scatenato la fantasia di molti per cui si prevedono utilizzi interessanti per questa speciale stampante 3D, dalle realizzazione di casette in aree depresse alla colonizzazione della Luna e di Marte.

Pensare che, fino a pochi anni fa, l’uso delle stampanti 3D  era limitato ad oggetti delle dimensioni di un soprammobile. Ora queste stampanti sono indispensabili in settori come la medicina e l’industria. L’idea è ottima, la sua realizzazione un successo, gli aspetti positivi molti ma si può facilmente predire che, quando sarà adottata dal settore edilizio, diventerà l’ennesima causa di polemica contro i sistemi informatici ed automatici che cancellano i posti di lavoro.

Ti interessano le stampanti 3D? Puoi comprarne una su Amazon:

Share