Attualità, Breaking news

Emergenza nelle Filippine: cinquantamila evacuati per l’eruzione del monte Manyon

Il vulcano più attivo nelle Filippine ha vomitato fontane di lava e enormi pennacchi di cenere in una nuova eruzione oggi che ha costretto oltre 50.000 abitanti dei villaggi vicini ad evacuare.

Fontane di lava si sono prodotte a 700 m, sopra il cratere del monte Mayon, e pennacchi di cenere si innalzano fino a 3 km di quota, secondo l’Istituto filippino di vulcanologia e sismologia.

Un’eruzione esplosiva a mezzogiorno ora locale è stata la più potente da quando il vulcano ha iniziato ad eruttare più di una settimana fa.

 Le autorità hanno avvertito che un’eruzione violenta può verificarsi in ore o giorni e che potrebbe e. – gas surriscaldati e detriti vulcanici che corrono lungo le piste ad alta velocità.

In allerta

Dopo l’esplosione di lunedì, i funzionari hanno alzato il livello di allerta di Mayon a quattro su una scala di cinque, e la zona di pericolo è stata espansa a 8 km dal cratere, richiedendo l’evacuazione di altre migliaia di residenti, incluse almeno 12.000 persone che erano tornati alle proprie case la scorsa settimana, quando i brontolii del monte Mayon si erano temporaneamente placati.

Almeno 56.000 persone sono state raccolte in 46 punti di evacuazione ed esercito e della polizia stavano aiutando a spostare gli abitanti dei villaggi dalle loro case, hanno detto i funzionari.

Gli spettatori guardano da una distanza di sicurezza mentre il vulcano erutta i pennacchi di cenere nell'aria

Alcuni curiosi guardano da distanza di sicurezza mentre il vulcano erutta i pennacchi di cenere nell’aria AP Photo / Bullit Marquez

Non ci sono state segnalazioni di morti o feriti. Ai velivoli è stato ordinato di stare lontano dal cratere e dai venti carichi di cenere, e diversi voli interni sono stati cancellati.

Più di 30.000 maschere antigas e circa 5.000 sacchi di riso, insieme a medicine, acqua e altre forniture, sono stati inviati ai centri di evacuazione, ha detto il direttore regionale dell’Ufficio della protezione civile, Claudio Yucot.

le scorte di cibo, acqua, medicine e altri aiuti potrebbero esaurirsi entro la metà di febbraio se l’eruzione continua e le nuove forniture non arriveranno in tempo, hanno detto i funzionari.

Mons Mayon è esploso circa 50 volte negli ultimi 500 anni, a volte violentemente. nelle Filippine si contano circa 22 vulcani attivi posizionati sul cosiddetto “Ring of Fire”, una linea di faglie sismiche che circondano l’Oceano Pacifico, dove terremoti e attività vulcanica sono comuni.

Share

retemedia