Politica

Elezioni francesi: Macron a valanga, ridimensionati FN e Repubblicani, Socialisti al peggior risultato di sempre

Dopo una forte astensione, i primi exit polls francesi sanciscono il trionfo di Macròn che prenderebbe, con il suo partito, oltre il 32% dei voti e oltre 400 rappresentati sui 577 in palio. Crollano i socialisti, al peggior risultato della storia, che con il 9% prenderebbero a fatica una trentina di deputati mentre il Front National, precipitato al 13,5% rischia di non prendere nemmeno i 15 deputati necessari per costituire il gruppo in parlamento. Discreto il risultato per Melechon che sopravanza i socialisti.

Il premier Philippe: la Francia è tornata

Edouard Philippe, il premier francese, ha commentato così la vittoria di La Republique en Marche: «la Francia è tornata con il presidente della Repubblica, dopo un mese, simbolo di fiducia, forza, di volontà di audacia. Il governo sta dimostrando di essere un esecutivo completamente nuovo».

20:59

Melenchon invita gli elettori a non far vincere seggi a Fn

Il leader dell’estrema sinistra Jean Luc Melenchon invita i suoi elettori a far sì che i candidati del Front National non ottengano seggi al ballottaggio.

20:47

Marine Le Pen: astensione catastrofica, votate al secondo turno

Marine Le Pen, nella circoscrizione del nord in cui ha fallito due volte l’elezione in passato, affronta in posizione di forza (45%) il ballottaggio contro l’avversaria di En Marche!, Anne Roquet. L’avversaria di Marine Le Pen ha ottenuto circa il 20%.Il risultato del primo turno delle elezioni legislative francesi è «deludente» per il Front National (Fn): secondo le proiezioni, il partito di estrema destra di Marine Le Pen avrebbe ottenuto 13,1-14%. Le Pen ha definito «catastrofica» la bassa affluenza alle urne e ha invitato gli elettori ad andare ai seggi il 18 giugno per il secondo turno delle elezioni legislative.

20:44

La gioia nel quartier generale di En Marche!

Esplosione di gioia nel quartier generale di En Marche! all’annuncio dei risultati del primo turno delle elezioni politiche in Francia. Gli elettori hanno «espresso la loro volontà di portare all’Assemblea Nazionale una maggioranza ampia e coerente»: ha detto la presidente ad interim di En Marche, Catherine Barbaroux, rivolgendosi ai militanti nella sede del partito a Parigi.

20:29

Il tracollo dei socialisti

Secondo i primi exit poll il partito socialista si attesterebbe al 7,8% e potrebbe ottenere tra i 20 e i 35 seggi, nella scorsa Assemblea Nazionale aveva 272 seggi su 577 Se confermato è il peggior risultato della storia per il partito dell’ex presidente François Hollande. Il segretario Jean-Christophe Cambadelis ha ammesso la sconfitta «senza precedenti» e ha lamentato l’avvento di un Parlamento «quasi senza opposizione».

20:21

Prime proiezioni: En Marche 32,6%

Le prime proiezioni dopo il primo turno delle legislative in Francia vedono in testa En Marche! con il 32,6% (415-445 seggi), seguito dai Republicains con il 20,9 (80-100), dal Front National con il 13,1% (1-4), dalla France Insoumise (sinistra radicale) con l’11% (10-20) e dal Partito socialista con il 9% (30-40). Il partito di Macron otterrebbe così la maggioranza assoluta.

19:36

L’exit poll di Rtbf: Macron al 32%, repubblicani al 20,8% Fn al 18%

Un terzo exit poll uscito in Belgio ritocca al rialzo la vittoria En Marche! con il 32%. La destra gollista è data al 20,5%. L’estrema destra del Front National di Marine Le Pen, terzo partito al 18% (al secondo turno delle presidenziali il 7 maggio ottenne il 33,10%). L’estrema sinistra di Jean-Luc Melenchon all’11%. Il partito di Francois Hollande, e prima di Francois Miterand, al 6%. Per la radio-tv belga alle 20 avrà votato il 50,5%

A breve gli aggiornamenti con i primi risultati reali dello spoglio.

Share