Spazio

La nuova stazione spaziale cinese sarà aperta ai ricercatori di tutto il mondo

Dopo la brutta esperienza della Tiangong-1 la Cina sta collaborando con le Nazioni Unite per organizzare esperimenti scientifici a bordo della sua nuova stazione spaziale che verrà lanciata nel 2022.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari spaziali esterni (UNOOSA) e l’Agenzia spaziale cinese hanno invitato gli scienziati degli stati membri delle Nazioni Unite a condurre esperimenti sulla nuova stazione spaziale cinese, ormai prossima al lancio.

Nel 2016, le due organizzazioni hanno firmato un memorandum d’intesa per collaborare allo sviluppo delle capacità spaziali degli Stati membri delle Nazioni Unite attraverso l’opportunità di utilizzare la stazione, che la Cina si aspetta sarà operativa entro il 2022.

La presentazione dell’opportunità e le istruzioni per partecipare di questa iniziativa sono state rilasciate durante una cerimonia ospitata dall’UNOOSA e dalla Missione Permanente della Cina alle Nazioni Unite a Vienna lo scorso lunedì 28 maggio.

Secondo un comunicato stampa dell’ONU , “l’iniziativa UNOOSA-CMSA mira a:

  • “promuovere la cooperazione internazionale nel volo spaziale umano e le attività connesse all’esplorazione dello spazio;
  • “fornire opportunità di volo sperimentale e applicazioni spaziali a bordo del CSS per gli Stati membri delle Nazioni Unite;
  • “promuovere le attività di creazione di capacità facendo uso delle tecnologie di volo spaziale umano , comprese le strutture e le risorse del programma di volo spaziale umano della Cina;
  • “promuovere una maggiore consapevolezza tra gli Stati membri delle Nazioni Unite sui vantaggi dell’utilizzo della tecnologia spaziale umana e delle sue applicazioni”.

La stazione spaziale della Cina appartiene non solo alla Cina, ma anche al mondo“, ha aggiunto l’ambasciatore Shi Zhongjun, rappresentante della Cina presso le Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali a Vienna.

Proprio come vuole il Trattato sullo Spazio Esterno del 1967, l’esplorazione e l’uso dello spazio esterno devono essere una risorsa comune per l’umanità“, ha aggiunto Shi. “Lo spazio esterno dovrebbe diventare un nuovo dominio per promuovere gli interessi comuni di tutti, piuttosto che un nuovo campo di battaglia per la competizione e lo scontro“.

Ci sono tre tipologie di esperimenti orbitali possibili durante il primo primo turno di opportunità, secondo il comunicato stampa delle Nazioni Unite. I partecipanti potranno condurre esperimenti all’interno o all’esterno della CSS utilizzando carichi utili trasportati in loco, oppure si potranno eseguire esperimenti all’interno della stazione utilizzando le strutture fornite dalla Cina.

Le organizzazioni pubbliche e private tra cui istituti, università e aziende possono richiedere l’opportunità; la scadenza è il 31 agosto 2018. Le istituzioni dei paesi in via di sviluppo sono particolarmente incoraggiate a partecipare, hanno detto funzionari delle Nazioni Unite.

Share