Fisica/Astronomia/astrofisica, Spazio

La sonda Galileo attraversò un geyser emesso dalla luna di Giove Europa: le implicazioni

Il riesame di vecchi dati trasmessi dalla sonda Galileo nel 1997 potrebbe avere importanti implicazioni nella ricerca della vita.

In un articolo pubblicato su Nature Astronomy, un team guidato da Xianzhe Jia dell’Università del Michigan ha ri-analizzato i dati della missione Galileo, che orbitò intorno a Giove dal 1995 al 2003, scoprendo che il 16 dicembre 1997 l’astronave attraversò un pennacchio emesso dalla luna Europa, probabilmente proveniente dall’oceano che si sospetta essere nascosto sotto la sua superficie ghiacciata. Questa scoperta sembra confermare le scoperte del Telescopio Spaziale Hubble che suggerisce che Europa emetta pennacchi d’acqua attraverso geyser che esplodono attraverso il ghiaccio.

Durante questo volo ravvicinato (chiamato E12) la navicella spaziale sorvolò Europa ad un’altitudine di circa 200 chilometri. I dati sembrerebbero mostrare che due degli strumenti a bordo della sonda Galileo hanno misurato un picco nel campo magnetico e nella densità del plasma per circa tre minuti.

Galileo è stato fatto intenzionalmente schiantare contro Giove nel 2003 per porre fine alla missione. NASA / JPL-Caltech

Questo picco è ritenuto per essere coerente con un pennacchio di acqua e vapore proveniente dalla luna Europa. In pratica, l’acqua espulsa dalla superficie è composta di goccioline e materiale di dimensioni variabili, dalle molecole ai granelli di polvere. Questi si ionizzano mentre viaggiano nello spazio, trasformandosi in particelle cariche conosciute come plasma.

Il plasma è in grado di influenzare il campo magnetico, permettendo a Galileo di effettuare le due rilevazioni. Con una simulazione al computer, il team è stato in grado di dimostrare che i picchi che hanno visto erano probabilmente il risultato del pennacchio soffiato nello spazio da un geyser. La dimensione stimata del pennacchio era intorno ai 1000 chilometri di larghezza.”

Hubble ha osservato diverse volte i geyser su Europa. NASA / JPL-Caltech

 

Una delle cose più intriganti sul flyby E12 è la posizione del sospetto pennacchio. Il team ritiene che provenga da una regione vicino a un grande cratere di Europa chiamato Pwyll Crater , che si trova appena a sud dell’equatore lunare. E questa è una regione simile a quella in cui Hubble ha individuato altri segni di geyser.

Questo suggerisce che potrebbe esserci una sorta di “anomalia termica” in quest’area da cui Europa emette pennacchi. Non è chiaro al momento quanto continuo sia questo processo, tuttavia, e potrebbe essere di vitale importanza per gli scienziati che stanno preparando due missioni destinate proprio verso Europa.

Nei primi anni 20, la NASA ha in programma di inviare una missione in Europa chiamata Europa Clipper . Questo eseguirà 45 voli sulla luna, molti dei quali saranno al di sotto di quello del passaggio E12 di Galileo. Se ci saranno pennacchi lì, con la sua strumentazione a bordo, Clipper potrebbe essere in grado di campionarli direttamente.

Anche l’ESA sta preparando una missione diretta verso Europa che si chiamerà Jupiter Icy Moons Explorer (JUICE), il cui lancio è previsto nel 2022, i cui strumenti potranno campionare direttamente tutti i pennacchi che Europa emetterà dal suo arrivo.

 

La posizione sospetta del pennacchio su Europa, Pwyll Crater. GeoHack / Wikimedia Commons

L’oceano nascosto sotto la superficie di Europa è considerato vasto, con forse più acqua di quanta ce ne sia sulla Terra. Accedervi è difficile, tuttavia, poiché la luna è racchiusa in una crosta ghiacciata spessa decine di chilometri.

Questi pennacchi potrebbero permettere di campionare direttamente l’oceano sottostante senza dover scavare sotto la superficie. Sebbene il loro esatto processo di formazione non sia chiaro, si pensa che le crepe nella superficie possano aprirsi e rilasciare scoppi d’acqua nello spazio.

Questa ipotesi ha implicazioni di ogni tipo perché l’interno di Europa, e quello di altre lune ghiacciate, come ad esempio Encelado, può contenere gli ingredienti necessari per la vita, compresa l’acqua e l’energia sotto forma di calore. Se hanno fonti idrotermali sul loro fondale oceanico, come alcuni suggeriscono, allora queste potrebbero creare ambienti favorevoli per la vita.

 

Share