Spazio

Stazione Aurora sarà il primo hotel orbitante e sarà operativo dal 2022

La startup Orion Span punta a rivoluzionare il turismo proponendo un vero e proprio loft spaziale in orbita intorno alla Terra. Secondo i piani annunciati dalla startup, questo sorta di albergo spaziale sarà collocato in orbita per la fine del 2021, per iniziare ad accogliere i primi ospiti nel 2022.

Stiamo lanciando il primo hotel spaziale di lusso a prezzi accessibili“, ha detto il fondatore e CEO di Orion Span, Frank Bunger, che ha svelato l’idea della Stazione Aurora, così si chiamerà l’hotel, il 5 aprile allo Space 2.0 Summit di San Jose, in California.

Inizialmente la stazione Aurora ospiterà 2 membri di equipaggio e un massimo di 4 ospiti paganti

Conveniente” è un termine relativo: un soggiorno di 12 giorni a bordo dell’Aurora Station costerà sui 9,5 milioni di dollari anche se è sempre meno di quanto i turisti orbitali abbiano pagato i turisti spaziali in passato. Dal 2001 al 2009, sette cittadini privati ​​hanno effettuato un totale di otto viaggi alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), pagando una cifra stimata tra 20 e 40 milioni di dollari ogni volta. (Queste missioni private sono state mediate dalla compagnia spaziale Virgin Adventures e hanno utilizzato i veicoli spaziali russi Soyuz).

A proposito dell’Aurora station, Burger ha dichiarato che “C’è stata innovazione intorno all’architettura per renderla più modulare e più semplice da usare e avere più automazione

L’obiettivo quando abbiamo fondato l’azienda è stato quello di creare quell’innovazione per aumentare la semplicità d’uso

Secondo quanto dichiarato da Burger, Orion Span starebbe già costruendo la stazione Aurora. L’azienda – alcuni dei cui principali ingegneri hanno contribuito a progettare e gestire la ISS – sta producendo i moduli a Houston e sta sviluppando il software necessario per gestirlo, nella Bay Area.

La stazione Aurora avrà le dimensioni di una grande cabina di un jet privato. Misurerà 13,3 metri di lunghezza per 4,3 metri di larghezza, con un volume pressurizzato di 160 metri cubi. Per confronto, la ISS è lunga 109 m e ha un volume interno pressurizzato di 916 metri cubi.

L’avamposto privato orbiterà a un’altitudine di 320 chilometri, un po ‘più in basso della ISS, che, normalmente, orbita a circa 400 km sopra la Terra. Al momento, non è chiaro in che modo la Stazione Aurora e i suoi futuri occupanti entreranno in orbita; Orion Span deve ancora confermare eventuali accordi con i fornitori di lancio, ha detto Bunger.

La Stazione Aurora ospiterà quattro ospiti paganti e due membri di equipaggio; questi ultimi membri saranno probabilmente ex astronauti, ha detto Bunger. La maggior parte degli ospiti saranno probabilmente turisti privati ​​nello spazio, almeno inizialmente, ma Orion Span sarà disponibile per una varietà di clienti, incluse le agenzie spaziali governative, ha aggiunto.

E lo spazio hotel diventerà più grande nel tempo, se tutto andrà secondo i piani. Con l’aumento della domanda, Orion Span lancerà moduli aggiuntivi che si collegheranno con il modulo principale originale.

La nostra visione a lungo termine è di vendere lo spazio reale in questi nuovi moduli, stiamo parlando di un condominio spaziale, quindi, sia per vivere che per vacanza. Insomma, creare un’abitazione umana sostenibile a lungo termine in LEO [bassa orbita terrestre]“.

Orion Span non è il solo a cercare di ritagliarsi questa strada. Diverse altre società, tra cui Axiom Space e Bigelow Aerospace, mirano a lanciare stazioni spaziali commerciali verso l’orbita terrestre nei prossimi anni per soddisfare la domanda di turisti spaziali, governi nazionali, ricercatori e industria privata. (Altri operatori privati, tra cui Virgin Galactic e Blue Origin, stanno sviluppando veicoli per portare clienti paganti da e verso lo spazio suborbitale, e hanno in programma di iniziare a breve le operazioni commerciali).

Chi avesse 80.000 dollari da spendere, può già prenotare il suo soggiorno nello spazio sulla stazione Aurora. Tutti coloro che prenoteranno dovranno effettuare un programma di addestramento della durata di tre mesi, l’ultima parte del quale avverrà a bordo dello stesso hotel spaziale.

Per saperne di più: www.orionspan.com.

Fonte: Space.com

Share