Complottismo, Editoriali, Fisica/Astronomia/astrofisica

Un asteroide impatterà la Terra il 4 febbraio? No, ma molta gente finisce per crederci… E come nascono queste voci allarmistiche?

Un asteroide più grande di qualsiasi grattacielo costruito sta precipitando verso la Terra, informa il Daily Mail. Se, come riportano parecchi siti specializzati in titoli ad effetto, il 4 febbraio questo asteroide dovesse impattare il nostro pianeta, gli scienziati prevedono un decennio di freddo e oscurità, con cieli soffocati di fuliggine e miseria in tutto il pianeta.

Nell’articolo, il Mail inserisce promemoria occasionali con i quali informa che l’asteroide 2002 AJ129 non colpirà la Terra, secondo quanto riporta la NASA. In realtà, secondo l’agenzia spaziale americana, l’asteroide passerà a circa 2 milioni di chilometri dalla Terra, nonostante sia classificato dalla stessa agenzia come una “roccia potenzialmente pericolosa”. Ed è proprio grazie a questa classificazione che il Mail ha potuto confezionare una notizia ad effetto con orribile illustrazioni che mostrano un asteroide che impatta il nostro pianeta.

Domenica scorsa, sulla pagina online Daily Star campeggiava un’immagine dell’asteroide AJ129 caduto in un’oceano ribollente con il titolo: “Doomsday?”

 Con tutte queste notizie che si sono accavallate grazie a più o meno prestigiose testate online, non c’è da meravigliarsi se venerdì un preoccupato lettore ha inviato alla NASA un link a un rapporto secondo cui l’asteroide era in rotta di collisione con la Terra, rischiando lo sterminio della vita sul nostro pianeta, chiedendo come mai l’agenzia non ne parlava.

Perché è una bugia“, ha scritto su Twitter la NASA.

AJ129 è una delle centinaia di asteroidi di una certa dimensione la cui orbita passa entro il raggio di 4,6 milioni di miglia dalla Terra, e sono quindi classificati dalla NASA come “potenzialmente pericolosi“.

Al momento, nessuna previsione sugli asteroidi noti conferma un impatto qualsiasi con la terra a breve e medio termine.

Quando il 4 febbraio l’AJ129 passerà vicino alla Terra, la NASA ha spiegato che sarà ancora 10 volte più lontano da noi rispetto alla luna. E mentre i titoli lo confrontano con l’edificio più alto del mondo, dovrebbe essere di circa 500 metri di diametro

In ogni caso, non ci interesserà molto perché non ci colpirà.

Stiamo monitorando questo asteroide da oltre 14 anni e abbiamo tracciato la sua orbita con molta accuratezza“, ha scritto il direttore della NASA Paul Chodas. “L’asteroide 2002 AJ129 non ha alcuna possibilità – nessuna – di entrare in collisione con la Terra il 4 febbraio o in qualsiasi momento nei prossimi 100 anni“.

Allora perché i tabloid stanno andando fuori di testa per l’asteroide? Perché lo fanno sempre.

Alcune settimane prima che l’AJ129 facesse notizia, il Daily Mail avvisava di un asteroide di dimensioni simili a un camion “che avrebbe sfiorato la terra entro poche ore“. La notizia non annunciava una catastrofe e passò senza far rumore.

A dicembre, lo stesso giornale era preoccupato per il DA14 2012. L’estate scorsa è stato l’asteroide NY65, che, come il Mail ha scritto “potrebbe potenzialmente spazzare la vita così come la conosciamo dalla faccia della terra“.

Non è così.

Una ricerca su Google sugli asteroidi “potenzialmente pericolosi” restituisce 30.000 risultati dal solo Daily Mail. Forse perché più di 2.000 oggetti che si adattano alla classificazione si prevede che passeranno vicino alla Terra in futuro, secondo il database degli asteroidi della NASA.

Dimentica quello del 4 febbraio, lunedì ne passa un altro.

Il che non vuol dire che gli asteroidi non siano una preoccupazione. Come ha scritto tempo fa Aenigma, un asteroide relativamente piccolo si schiantò a Tunguska, in Siberia, nel 1908 con la forza di 1.000 bombe atomiche. Ci sono state dei veri passaggi ravvicinati negli ultimi dieci anni. Una minuscola meteora che bruciava nella nostra atmosfera ha attraversato il cielo del Michigan pochi giorni fa. E se un grande asteroide colpisse il pianeta, probabilmente moriremmo tutti.

Questa possibilità molto piccola ma molto spaventosa è il motivo per cui la NASA tiene traccia di così tante rocce spaziali, e attribuisce a quelle all’interno di un certo raggio dalla Terra l’attributo di “potenzialmente pericolosa” che fa nascere così tanti titoli.

L’agenzia ha condotto una simulazione con FEMA nel 2016 su cosa si potrebbe fare se un grande asteroide fosse stato trovato in rotta di collisione con la Terra. E ‘stato un duro esercizio, che mentre prevedeva come evacuare le grandi città costiere “si è anche rivolto a come smentire le voci e le informazioni false che potrebbero emergere prima dell’ipotetico impatto“.

Fortunatamente, al momento, non è previsto nessun impatto da parte di asteroidi di questo tipo.

Sfortunatamente, la NASA è ancora impantanata nel gestire le voci.

Share